Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Siamo appena tornati da un bellissimo week end a Barcellona, e con il prezioso aiuto dell’Ente del Turismo di Barcellona abbiamo avuto modo di visitare questa splendida città; abbiamo rivalutato questa città che ha moltissimo da offrire ecco cosa fare a Barcellona in 2 giorni.

Day 1 cosa abbiamo visto:

  • Pulau Guell (orario di apertura dalle 10 alle 20, costo 11€)
  • La Catedral
  • Casa Batllò (orario di apertura dalle 9 alle 21, costo 21,5€)
  • La Pedrera (orario di apertura dalle 9 alle 2o, costo 16,5€)
  • Park Guell (orario di apertura dalle 8 alle 21,30 costo 7€)

Se vi trovate in zona Rambla inizate con la visita del Pulau Guell una delle tante opere di Gaudì che incontrerete lungo il vostro percorso. Dopo questo primo assaggio, proseguite sulla Rambla in direzione placa Catalunya e sulla vostra destra troverete Placa Reial una delle piazze più antiche della città. Camminando sotto i portici potrete scegliere fra uno dei diversi locali e gustare un buon caffè accompagnato da golosissimi dolci tipici spagnoli come i churros o le frittelle a bastoncino passate nello zucchero. Unica pecca è che questa zona è molto turistica quindi i costi non sono contenuti.

CATEDRAL

Successivamente addentratevi verso il Barrio Gotico uno dei quartieri più belli di tutta Barcellona, vi sembrerà di tornare indietro nel tempo, passeggiando tra strette vie colorate e mura romane: noi abbiamo utilizzato il percorso che offre la Lonely Planet, 1 ora e mezza circa tra la Catedral, Placa de San Felipe Neri, il Tempio Romano, le mura e Placa del Rei.

Si è fatta ora di pranzo e anche se in Spagna si mangia tardi noi andiamo alla Boqueria, il mercato alimentare storico più bello di Barcellona, fate attenzione però, la domenica è chiuso quindi se programmate un viaggio nel week end ipotizzate una visita il sabato. La Boqueria è il paradiso alimentare: tapas, jamon, frutta, frullati, dolci, torroni, pesce, tutte le vostre voglie verranno soddisfatte, non ne uscirete affamati. Dopo esservi abbuffati è il momento delle visite alle opere di Gaudì; in ordine troverete casa Batllo e ad un centinaio di metri sulla sinistra la Pedrera. Entrambi vi porteranno via almeno 1h ciascuno e sarete accompagnati dalle pratiche audioguide che vi aiuteranno a capire la storia, la filosofia, l’architettura che si cela dietro questi progetti innovativi.

LA PEDRERA

La vostra giornata si concluderà poi a Park Guell il capolavoro assoluto di Gaudì, un parco urbano che racchiude la visione più eccezionale e fatiscente di questo artista. Il parco è poco più distante dal centro, ma con metro e una passeggiata di 15 minuti potrete raggiungerlo e godervi una splendida vista su tutta la città.

Day 2 cosa abbiamo visto:

  • Sagrada Familia (orario di apertura dalle 9 alle 19, costo 19,5€)
  • Museo di Picasso (orario di apertura dalle 9 alle 19, costo 11€, gratis la domenica dalle 15 e tutto il giorno la prima domenica del mese)
  • Santa Maria del Mar

La domenica dopo aver fatto colazione in una panetteria del Barrio Gotico ci godiamo una bella passeggiata fino alla Sagrada Familia, l’opera incompleta che consumò Gaudì. Nonostante la parte esterna resti ancora in costruzione, l’interno vi lascerà senza fiato. Fermatevi, sedetevi su una delle sedia della navata centrale e godetevi questo spettacolo. Anche in questo caso l’audioguida è fondamentale e per un’ora e mezza sarete presi in questo tripudio di bellezza e creatività.

DCIM103GOPRO

Successivamente, prendete la metropolitana e raggiungete Jaume I fermata nel mezzo della Ribera uno dei quartieri più suggestivi che abbia mai visto, originale e anticonformista al tempo stesso. Qui rimarrete estasiati, per me è stato così, visitando Santa Maria del Mar, una chiesa in pietra scura, con vetrate dipinte e luminose e lampadari fatiscenti, più simile ad un castello medioevale che ad una chiesa. Passeggiate nella Ribera, le vie strette con balconi colmi di panni stesi, piazzette nascoste con cafè dove le famiglie spagnole la domenica all’1 fanno colazione, vicoli di artisti emergenti, piccole gallerie di giovani talenti: un piccolo quartiere liberale e ribelle.

Ultima tappa importante di questo week end è il Museo di Picasso che tutte le domeniche dalle 15 e la prima domenica del mese è gratis. Oltre a contenuti di grande qualità unici nel loro genere come i bozzetti di Picasso, e oltre 4000 opere suddivise in base all’età del pittore,ciò che rende più unico questo museo è la struttura in cui sono ospitate le opere, un palazzo antico completamente ristrutturato situato in uno dei quartieri più belli di Barcellona: la Ribera.

RIBERA

Concludiamo l’ultima serata sulla Barceloneta, la spiaggia della città. Godetevi la passeggiata sul lungomare osservando le coppie che amoreggiano in riva al mare, i cani che corrono, i bambini che giocano sul bagno asciuga. Un bella pista ciclabile percorre tutta la spiaggia e se il tempo lo permette, potrete noleggiare una bicicletta e arrivare fino a Banys una zona balneare protetta molto frequentata soprattutto in alta stagione.

Informazioni utili:

  • Ryanair e Easyjet volano a Barcellona spesso con offerte molto vantaggiose. Ci sono più aeroporti, vi consiglio El Prat che si trova a soli 12km dal centro potete prendere sia il treno che il bus.
  • Per muovervi in città se avete solo un week end a disposizione potete utilizzare l’abbonamento di 2 giorni che include metro e bus (14€)
  • Prenotate con anticipo le visite alle principali attrazioni vi eviterete inutili code e perdite di tempo; le prenotazioni possono essere fatte online o all’ufficio del turismo in Placa Catalunya.

Dove scegliere l’Hotel?

Vi consiglio la zona della Rambla o di placa Catalunya, sono centralissime e vicino ai mezzi di trasporto come bus e stazioni della metropolitana. Saranno zone che frequenterete spesso quindi scegliere un hotel in questi quartieri vi risparmierà del tempo.

Dove mangiare?

MERCATO LA BOQUERIA

Il Mercato La Boqueria è sicuramente il posto migliore dove gustarvi buonissime tapas, il miglior prosciutto crudo al mondo, frullati di frutta a 1€, frutta fresca, pesce, fritture di ogni genere, cioccolati e caramelle per tutti i gusti.

Casa Guinart è una boqueria dal 1899 e si trova proprio alle spalle del Mercato, qui potrete mangiare tapas eccezionali; noi abbiamo provato i pimientos del Padron (peperoni verdi fritti), bocadillo con calamares (panino con calamari fritti), mariscada (crostacei di vario genere).

El Rey De la Gamba è un locale sulla Barceloneta all’apparenza, il classico ristorante turistico che però offre piatti di ottima qualità a prezzi davvero onesti, noi abbiamo mangiato una deliziosa mariscata per due e due differenti tipologie di Paella davvero buono.

Per fare colazione, vi consiglio una delle tante panetterie che soprattutto nel Barrio Gotico e nella Ribera sono frequenti, gustosi croissant, e un buon caffè ad un prezzo onesto.

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

4 COMMENTS

  1. Bellissima Barcellona!
    Mi è entrata nel cuore piano piano, l’ho apprezzata la prima volta che ci sono stata, l’ho amata la seconda e sogno già di tornarci una terza volta.. adoro soprattutto la zona del barrio gotico, della cattedrale. 🙂

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here