La mia Chimera, Bucarest quella città che da novembre scorso non sono ancora riuscita a raggiungere perchè qualcosa si è sempre messo tra noi due. Sono molto fatalista, raccolgo i segni che mi si presentano e li elaboro nella realtà costruendomi in testa un quadro della situazione che sto vivendo.

Se ogni volta succede qualcosa che fa si che tu non riesca a prendere qual determinato volo allora significa che è destino e che è meglio che quel volo tu non lo prenda. Io sono fatta così su questi fatti rifletto molto e mi faccio condizionare ma penso che sia solo un modo per darmi delle spiegazioni per capire perchè quel determinato fatto è accaduto.

Perchè non siamo partiti per Bucarest?

La prima volta è successo a Novembre la settimana prima ci trovavamo a Londra e causa – nebbia fitta ma così fitta che erano 60 anni che non succedeva- rimaniamo bloccati per due giorni a Londra. Se da un lato abbiamo colto il lato positivo di questa sfortuna godendoci la città per un altro giorno, dall’altra la stanchezza di una notte in aeroporto litigando con il personale per avere delle spiegazioni sull’accaduto, per trovare una soluzione, per riuscire a rientrare a lavoro senza essere licenziati sono stati un vero stress senza contare l’anticipo di soldi (Londra è carissima lo sapete bene) per fronteggiare alle 2 notti in più in hotel a taxi, treni e tutto quello che non avremmo pensato di spendere in più. Bè dopo essere rientrati, avremmo dovuto a distanza di 3 giorni, partire per Bucarest con volo all’alba il sabato e stanchi e un pò a corto di soldi, avendo pagato 20 euro il volo, abbiamo preferito non partire e riprenderci dal precedente week end che ci aveva letteralmente prosciugato in tutti i sensi e modi.

Bloccati dalla nebbia a Londra (1)

La seconda volta lo scorso week end quando dopo un bellissimo viaggio a Valencia siamo rientrati di lunedì svuotato e riempito di nuovo gli zaini pronti a partire il venerdì mattina per Bucarest. Che succede? Una brutta infezione colpisce il mio povero fidanzato che viene ricoverato in ospedale (tranquilli tutto bene, guarirà presto) ed ecco che di nuovo non prendiamo l’aereo e non partiamo. Questa volta penso che un angelo abbia davvero guardato giù e sia riuscito a non farci partire perchè altrimenti penso che le cose sarebbero state un pò più complicate di come invece sono ora.

Untitled design

Ma ieri sera dopo una giornata in ospedale ho riflettuto su questo viaggio che proprio non sa da fare, non voglio tirarmi una terza sfortuna riprenotandolo e quindi ho deciso che per un pò Bucarest resterà fuori dalle mie mete. Lo dico a malincuore perchè ora più che mai ho proprio voglio di visitarla. Ci sono viaggi che rimangono sogni e desideri e ci sono quelli che non riesci a programmare perchè qualcosa s’interpone sempre tra voi e loro.

Questo stop obbligato ci servirà a ricaricarci, certo dovremo stare a casina per un pò, ma potrebbe essere l’occasione per dedicarmi alla mia città che trascuro sempre per altre mete lontane. Vorrei fare quelle cose da turista che non faccio perchè tanto a Milano ci vivo… SBAGLIATO!

Ora è il vostro turno, qual’è la vostra Chimera?

4 COMMENTS

  1. La mia è Parigi: la prima volta che ci sono stata avevo 8 anni e non mi ricordo nulla; la seconda ero in gita scolastica e – per la prima volta in vita mia – mi viene una febbre altissima che mi costringe a letto per 4 dei 5 giorni previsti.
    La terza volta è stata quest’anno: avevamo prenotato e dovevamo partire pochi giorni dopo gli attentati al Bataclan e non ce la siamo sentita.

    Anche io, almeno per un po’, non ritenteró.

  2. Anche la mia è Parigi, al contrario di Elisa però io non sono mai riuscita a metterci piede. È stato un grande sogno fin da bambina, quando chiedevo ai miei di portarmici… Ogni anno mi dicevano di sì e ogni anno per qualche motivo non si partiva. Sarebbe dovuto essere il mio viaggio di maturità, ma anche lì sono successe cose che hanno fatto sì che non ci andassi e partissi per Barcellona. Da lì in poi ho sempre detto di volerci andare ma non ho mai più tentato. Chissà perché..

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here