Una delle prime domande che ci siamo posti quando abbiamo deciso di fare un viaggio in Messico è stata quella di capire quali fossero i migliori siti Maya e quali valesse la pena visitare.

Aprendo la guida, scopri che ogni angolo dello Yucatan ha un sito maya; alcuni sono molto famosi, altri meno, altri sono immersi nella giungla, altri sono perfettamente conservati e così via.

Dato che il nostro viaggio comprendeva anche Guatemala e Belize e che, ache queste due nazioni hanno i rispettivi siti Maya, meno battuti e meno conosciuti di quelli in Messico, siamo andati letteralmente nel pallone. Dopo esserci stata e dopo averli visti di persona posso stilare una mia classifica dei migliori siti Maya da visitare durante un viaggio in Messico, Guatemala e Belize.

Abbiamo visitato 2 siti archeologici precolombiani in Messico e altri 6 siti maya tra Messico e Guatemala; ora vi raccontiamo le nostre sensazioni e alcune informazioni utili che vi possono aiutare nella vostra scelta. Per sapere di più sul nostro viaggio in Centro America vedi anche Itinerario Messico, Guatemala e Belize on the bus

I migliori siti Maya: Archeologia Precolombiana

Teotihuacan (Messico)

Raggiungibile da Città del Messico con Local Bus (Metro Autobuses del Norte) 1h ca.

Teothiuacan è il primo sito archeologico precolombiano che visitiamo e per questo motivo è anche uno dei nostri preferiti, sarà forse che non eravamo così preparati su quello che avremmo visto ma una volta entrata nel sito siamo rimasti a bocca aperta, emozionati di fronte alle piramidi. Potrete visitare l’area in un paio d’ore senza troppa fretta. Data la dimensione ridotta di Teothiuacan, noi abbiamo optato per non prendere la guida. Abbiamo utilizzato la Lonely Planet e altre informazioni reperite sul web prima della partenza.

i-migliori-siti-maya-Teotihuacan

Monte Alban (Messico)

Raggiungibile da Oaxaca con i collectivos (dal centro della città) 30 minuti ca.

Monte Alban si trova sulla collina che domina la regione di Oaxaca, noi abbiamo deciso di salire fino in cima alla collina a piedi all’alba e una volta arrivati in cima abbiamo assistito al sorgere del sole che colorava la città. Il sito apre alle 8,30 ma abbiamo trovato delle persone gentilissime che ci hanno fatto entrare prima, eravamo gli unici nella Gran Plaza l’area meglio conservata di Monte Alban. Meno spettacolare di altri siti archeologici, ma il fascino e i colori dell’alba donano a quest’area archeologica precolombiana, dichiarata Patrimonio dell’Unesco nell’87, un fascino unico. Anche in questo caso non abbiamo preso la guida, abbiamo visitato Monte Alban in 1h e mezza circa.

i-migliori-siti-maya-Monte-Alban

I migliori siti Maya: Archeologia Maya

Palenque (Messico)

Raggiungibile con collectivos dalla città oppure con escursioni in giornata da Palenque o San Cristobal.

Palenque è forse uno dei siti maya più belli che abbiamo visto nel nostro itinerario. Immerso nella giungla, Patrimonio dell’Unesco, dal punto di vista monumentale è una pietra miliare della cultura maya, per la qualità della sua architettura e l’originalità delle sue costruzioni. Affidatevi ad una guida, noi abbiamo fatto un tour di 3h visitando le aree “scoperte” e quelle nascoste nella giungla. Le aree ancora nascoste dalla vegetazione sono le più suggestive, non troverete molti turisti, sarete voi, la guida e i rumori della natura che spesso possono essere davvero inquietanti.

i-migliori-siti-maya-Palenque

Tikal (Guatemala)

Raggiungibile da Flores con collectivos 1h ca

Tikal si è rivelato un sito maya diverso da quelli visti fino a quel momento. Ciò che più ci ha colpito sono state le possenti piramidi che sbucavano dalla fitta vegetazione e la grandezza del sito. Abbiamo anche in questo caso, preso una guida (non particolarmente brillante e coinvolgente) e abbiamo fatto un itinerario di 3h ca forse qualcosa in più, un sali e scendi dalle piramidi che svettano su un tappeto verde di vegetazione che non ha fine. E’ piacevole passeggiare tra i sentieri immersi nella vegetazione e sbucare in queste piccole piazze con enormi piramidi perfettamente conservate. Essendo l’area archeologica molto vasta, difficilmente trovi gruppi di turisti, spesso sei solo tu e la piramide maya. Consiglio la visita la mattina, il sito è molto caldo e umido, dato che è totalmente immerso dalla vegetazione.

i-migliori-siti-maya-Tikal

Tulum (Messico)

Raggiungibile o in taxi o in bicicletta (4km ca dal centro città)

Tulum era il sito maya che ci incuriosiva più degli altri per la sua particolare posizione sul mare. Ci si rende subito conto che è un sito completamente diverso dagli altri: spiagge, mare, iguane e palme compongono questa ristretta area archeologica molto curata e ben conservata. Sulla scogliera si trova la rovina più famosa “El Castillo” che si affaccia sulle acque cristalline della riviera (da un anno le coste del Messico sono colpite dalle alghe e Tulum è tra queste località). Non abbiamo usato una guida ma ci siamo affidati alla Lonely Planet. Dopo la visita del sito, potrete rilassarvi nelle spiaggia sottostante godendovi dal mare la vista delle rovine sulle scogliere.

i-migliori-siti-maya-Tulum

Cobà (Messico)

Raggiungibile da Tulum con bus ADO o collectivos 1h (entrambi i bus si prendono alla stazione Ado)

Inizialmente escluso dal nostro itinerario, abbiamo inserito Cobà in corsa e siamo felici di averlo fatto. Potete noleggiare le biciclette per girare il sito ma noi abbiamo preferito muoverci a piedi. L’area è abbastanza estesa e anche in questo caso le rovine sono immerse nel verde. Cobà è famosa per la piramide Nohoch Mul che domina la selva da ben 42mt d’altezza, la salita è faticosa e la discesa pericolosa ma quando arrivi sulla vetta l’emozione è tanta e la vista ti toglie il fiato. In questo caso non abbiamo preso la guida ma ci siamo affidati alla Lonely Planet, il sito è visitabile in 2h se prendete le biciclette sarete di certo più veloci.

i-migliori-siti-maya-Cobà

Ek Balam (Messico)

Raggiungibile da Valladolid con un collectivos in 30 min ca (i collectivos qui sono taxi che partono una volta raggiunte 4 persone).

Ek Balam è un sito maya ancora poco battuto dalle masse di turisti (tutti preferiscono Chichen Itza) ma pur essendo raccolto noi lo abbiamo trovato molto bello e interessante. La sua particolarità è l’acropoli situata nella zona nord; imponente, ben conservata e alta 32mt. Ek Balam è abbinato ad un cenote molto bello con un salto non indifferente. Prendete le biciclette e rilassatevi nelle fresche acque di queste grotte naturali. Non abbiamo preso la guida nemmeno in questo caso ma sulla Lonely Planet non c’è scritto nulla solo un piccolo paragrafo, abbiamo utilizzato informazioni prese dal web e abbiamo origliato le guide dei gruppetti vicini. Sito Maya e cenotes si possono visitare in 3h ca.

i-migliori-siti-maya-Ek-Balam

Chichen Itza (Messico)

Raggiungibile da Valladolid con bus Ado o con collectivos 1h e mezza ca.

Involontariamente abbiamo lasciato per ultima una delle 7 meraviglie del mondo moderno, per chiudere il cerchio di un percorso attraverso vari siti Maya. Non possiamo non dire che effettivamente Chichen Itza è il sito Maya più bello che abbiamo visto, per lo stato di conservazione, la cura con cui è tenuto e la quantità di rovine maya scoperte: il sito più completo. A differenza degli altri siti, la piramide Kukulkan si trova subito all’inizio dell’area archeologica, 9 livelli di piramide in perfetto stato conservativo (2 lati su 4 sono intatti). Abbiamo battuto le mani ai piedi della piramide e sentito la risposta del cinguettio degli uccelli sacri Maya, siamo rimasti senza fiato di fronte alla maestosità del campo della Pelota ed rabbrividiti dagli altari sacrificali. Per Chichen Itza è assolutamente doveroso prendere una guida perchè il sito è molto vasto e le cose da dire sono tante. Noi abbiamo dedicato 3h alla visita del sito senza correre troppo.

i-migliori-siti-maya-Chichen-Itza

Informazioni pratiche per visitare i migliori siti Maya

  • Tutti i siti sono molto caldi ad eccezione di Monte Alban
  • Il costo del biglietto è fisso di 64 pesos in Guatemala 50 quetzal (In Yucatan e Quintana Roo dovrete pagare anche le tasse allo stato)
  • Le guide sono utili nei siti archeologici più grandi, contrattate più che potete!
  • E’ preferibile visitare i siti la mattina presto: mano gente e più fresco.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here