Un sogno che si realizza, e dopo svariati tentativi il viaggio in Normandia appena trascorso mi ha permesso di visitare e vivere qualcosa di unico come solo Mont Saint Michel sa essere.

Simbolo emblematico della Francia la baia che circonda Mont Saint Michel è famosa in tutto il mondo per il maggior dislivello tra alta e bassa marea di tutta Europa. Meta turistica battuta in tutte le stagioni, la maggior parte dei turisti sceglie di visitare il monte in giornata affidandosi spesso a escursioni organizzate che controllano l’andamento delle maree permettendovi di scegliere il giorno “migliore” per godere di questo spettacolo della natura.

IMG_1412

Come abbiamo visitato Mont Saint Michel?

Di regola avrei programmato una visita al monte nella settimana miglior per poter vedere il dislivello delle maree, ma non sempre le cose vanno come vorremmo e i giorni a disposizione erano quelli “sbagliati” quindi niente marea ma, la cosa non ha assolutamente cambiato la mia opinione e la gioia che ho provato.

Il lato positivo di visitare Mont Saint Michel in Dicembre è che l’affluenza di turisti è molto ma molto ridotta risposta all’estate o alle settimane con i picchi della marea. Noi abbiamo raggiunto la cittadini nel primo pomeriggio quando ancora i gruppi erano in procinto di visitare l’abbazia, ma parliamo davvero di poche persone i parcheggi di La Caserne erano vuoti saremo stati un centinaio di persone su tutta l’isola. Essendo piccola e concentrata l’esplorazione del Monte è migliore se c’è meno gente eviterete di rimanere bloccati negli stretti viali acciottolati dal sapore Medievale del villaggio.

Cosa visitare al monte?

L’attrazione principale di Mont Saint Michel è l’Abbazia, che predomina e sovrasta la cima del monte. Percorrendo la Gran Rue, la strada principale del monte che raccoglie i principali hotel, ristornati e negozi di souvenir, conduce all’ingresso dell’Abbazia (costo del biglietto 9€). Potrete visitarla in totale autonomia come abbiamo fatto noi, ho partecipare a una visita guidata oppure noleggiando un audio guida. La chiesa dell’abbazia di trova sulla sommità della montagna e la sua peculiarità è che si compone di stili architettonici diversi: la navata e il transetto sono in stile romanico normanno mentre il coro è in stile gotico. Proseguendo nella visita incapperete nel Merveille, sono gli edifici che si trovano nel lato settentrionale dell’abbazia: un chiostro colonnato, un refettorio, sale con camini, cappelle sotterranee sono ciò di cui si compone e che concluderà la vostra visita alle attrazioni di Mont Saint Michel.

 

 

 

Lo spirito del Monte

Quando con la macchina abbiamo imboccato l’uscita di Mont Saint Michel, tra la foschia dei campi, illuminata da qualche raggio di sole, abbiamo iniziato ad intravedere la sagoma del monte. Io mi sono davvero emozionata aspettavo da tanto questo giorno, e finalmente ero solo a pochi chilometri da lui. Noi sono riuscita a distogliere lo sguardo nemmeno per un minuti, nonostante le centinaia di foto che ho scattato, i miei occhi erano fissi ad osservare quello che davvero è uno dei luoghi più belli che abbia mai visto. Il valore aggiunto è stato poter dormire sul monte; sembrerà una spesa folle e superflua (il vantaggio della bassa stagione è che i prezzi degli hotel si dimezzano) ma avere la possibilità di stare sull’isola quando tutti la gente se ne va è davvero un di più che ti avvolge totalmente in questa atmosfera tra sogno e realtà che trasmette questo luogo.

Informazioni pratiche

Se come noi decidete di raggiungere Mont Saint Michel in macchina sappiate che dovrete lasciarla nei parcheggi a pagamento del paesino di La Caserne (1 giorno 12€ ca). Per raggiungere il monte potete andare a piedi percorrendo il ponte inaugurato nel 2014 oppure utilizzare il servizio gratuito di navetta. Se andate nei periodi di massima affluenza e volete soggiornare sul monte, prenotate con anticipo gli hotel sono pochi e hanno poche disponibilità. Non abbiate grandi aspettative sui ristoranti, il rapporto qualità prezzo non è all’altezza del posto.

 

2 COMMENTS

  1. Ci credi che saranno 5 anni che mi riprometto di andarci e non ho mai organizzato? E’ proprio un mio sogno nel cassetto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here