Siamo appena rientrati da un magnifico tour in Islanda, un’isola che è riuscita a stupirci con la sua bellezza naturale, pura e spettacolare.

Purtroppo ci sarebbe voluto più tempo per esplorarla fino in fondo, ma noi ci siamo dovuti accontentare di 5 giorni e siamo comunque riusciti a creare un tour dell’Islanda che soddisfacesse le nostre esigenze. Sono solita pianificare tutto nei minimi dettagli ma questa volta, ho scelto di vivere alla giornata, senza troppi schemi e tabelle di marcia.

Per organizzare il viaggio abbiamo utilizzato il sito dell’Ente del Turismo che ha collaborato alla realizzazione del Tour Islanda.

Tour Islanda: Prima di Partire

Bisogna essere ben preparati per un viaggio in Islanda soprattutto se decidete di andare in periodi invernali come il nostro. Il meteo è l’unica variabile del vostro viaggio e noi in base a quello, abbiamo organizzato giorno per giorno il nostro itinerario in Islanda. Utilizzate questi siti per controllare le previsioni meteo e le condizioni delle strade:

Portate con voi abbigliamento termico, scarpe da trekking impermeabili, e un buon powerbank perchè il freddo consuma le batterie. Per avere maggiori informazioni su cosa serve per un viaggio in Islanda leggete anche: “Come fare la valigia: destinazione Islanda”

Tour Islanda: l’itinerario

Da questa mappa dell’Islanda potrete vedere che abbiamo diviso il tour in 3 parti distinte: la West Iceland, il Golden Circle e la South Iceland inserendo poi una giornata a Reykjavik – la capitale più a nord del mondo- una giornata di escursioni in barca, concludendo il tour nella penisola di Reykjanes.

 

 

Abbiamo utilizzato un 4×4 con gomme da neve, che sono obbligatorie dal 1° novembre al 30 aprile, ci siamo sentiti più sicuri nonostante le strade fossero quasi sempre impeccabili ed è stato l’ideale per comodità e spazio.

Tour Islanda: day 1

Raggiungiamo la città di Reykjavik dall’aeroporto di Keflavik, dopo aver sbrigato le pratiche di noleggio dell’auto. L’Islanda sfoggia da subito i suoi magnifici paesaggi lunari che la contraddistinguono. La capitale più a nord del mondo non è nulla di entusiasmante, diversa da tutte le altre città del nord europa che abbiamo visitato fino a quel momento. Piccola, silenziosa è più simile ad un paesotto di periferia. Cartina alla mano, selezioniamo i nostri punti d’interesse e scegliamo di visitare:

  • Hallgrímskirkja church è il simbolo della città, la sua torre può essere vista da ogni punto della città e salendovi sopra potrete godere di un panorama a 360° di tutta la città.

tour islanda Hallgrímskirkja church

  • Concert Hall un centro culturale e sociale nel cuore della città, ciò che incuriosisce è la sua architettura prominente che alla sera viene totalmente illuminata.
  • Passeggiare nel colorato Old Harbor è molto piacevole; oltre ad essere la zona dove si svolgono la maggior parte della attività marine della città come ad esempio il Whale Whatching, è considerato una delle nuove zone più frizzanti e in voga della città.
  • L’opera d’arte più fotografata è la rappresentazione di una nave vichinga, il punto più romantico della città dove, i Monti Esja creano uno skyline memorabile.

tour islanda Reykjavik landscape

  • Höfði House un edificio del 1909 considerato uno dei luoghi e più belli della zona di Reykjavik

Tour Islanda: day 2

Sveglia presto la mattina e partiamo verso la West Iceland con l’obiettivo di raggiungere Snaefellsnes peninsula, la più bella di tutta l’Islanda. La costa meridionale è rurale, con creste vulcaniche frastagliate mentre quella settentrionale, è caratterizzata da cittadine portuali molto suggestive. Questa zona ha ispirato molti miti e scrittori, uno su tutti Jules Verne che proprio qui, ambientò il suo celebre romanzo: “Viaggio al centro della terra”. Cosa vedere a Snaefellsnes:

  • Grundarfjordur piccolo borgo moderno rannicchiato ai piedi del Kirkjufell, questo è uno degli scorci più fotografati dell’isola; ai suoi piedi si trova la bellissima cascata di Kirkjufellsfoss.

tour islanda Kirkjufell

  • Hellisandur un villaggio di pescatori molto semplice ma genuino.
  • Parco Nazionale dello Snaefellsjokull un paesaggio pittoresco e selvaggio. Quando il vento spazza via la nebbia è visibile il bellissimo vulcano – dal quale prende il nome la penisola – completamente ricoperto di ghiaccio.
  • La costa meridionale è un susseguirsi di abitazioni isolate, fattorie e nulla di più; è un luogo puro da ammirare soffermandosi di tanto in tanto per fare della passeggiate.

tour islanda costa meridionale

  • Stykkisholmur questo luogo pittoresco si trova nel Breidafjordur una penisola frastagliata che separa Snaefellsnes dai fiordi occidentali; raggiungete a piedi l’isola di Sugandisey per osservare il panorama dal suo faro.

Tour Islanda: day 3

Il Golden Circle tour è uno degli itinerari più famosi di tutta l’Islanda; percorribile in un solo giorno da Reykjavik, è una delle poche aree dell’isola che raccoglie moltissimi turisti in tutte le stagioni. Molti tour offrono un’escursione in giornata dalla capitale ma se avete la macchina, potrete muovervi in completa autonomi.

  • Pingvellir National Park, i vichinghi fondarono qui il primo parlamento democratico, questo parco si trova sulla placca tettonica tra Europa e Nord America, una frattura che cresce di anno in anno. Percorrete la famosa passeggiata storica che si snoda all’interno del parco fino a condurvi su di una altura per ammirare la vista molto suggestiva.

tour islanda Pingvellir National Park

  • Geysir sono forse l’attrazione più famosa e imperdibile di un tour dell’Islanda. Crateri vulcanici che grazie a pressione e calore, spruzzano fuori un getto d’acqua che a volte arriva a 30m di altezza. Dovrete aspettare non più di 10 minuti tra un getto e l’altro.

tour islanda geysir

  • Le cascate di Gullfoss alte 32mt forse non tra le più belle che abbiamo visto ma sicuramente sono le più contorte; si tuffano in un bellissimo Canyon che offre panorami unici e di tanto in tanto un bell’arcobaleno. Attenzione al vento però in questo punto è davvero prepotente!

Tour Islanda: day 4

Ci spingiamo sempre più a sud in una parte dell’isola turistica ma che regala sempre e comunque paesaggi e luoghi surreali. Cascate, spiagge nere, ghiacciaio e paesaggi che mutano ad ogni chilomentro. Vale la pena soffermasi per qualche giorno soprattutto se volete fare escursioni; noi abbiamo concentrato tutto in un solo lunghissimo giorno.

  • Seljalandsfoss magnifica cascata che cade in un bel laghetto verde. C’è un scala per salire sul lato e godere di una bellissima vista (durante il nostro viaggio la salita era ghiacciata e io non mi sono cimentata nell’impresa).
  • Reynishverfi si trova a soli 5km da Vik, uno dei posti più romantici dell’isola. Falesie imponenti, fanno da sfondo alla bellissima spiaggia nera.

tour islanda

  • Skogafoss una cascata rocciosa che compie un salto di 62mt potrete ammirarla dal basso o dall’alto; una ripida scalinata vi permetterà di godere di una bella vista ma se non ve la sentite non salite, io ho preferito la vista dal basso.
  • Il lago Jokulsarlon è alimentato dal ghiacciaio Vatnajokull. Vi sembrerà di trovarvi al polo nord, il paesaggio è artico punteggiato da iceberg dai riflessi neri e blu; potrete ammirare le foche che riposano sulle sponde del lago o mentre giocano in acqua.

tour islanda glacier

Tour Islanda: day 5

La stanchezza inizia a farsi sentire e l’ultimo giorno del nostro tour in Islanda è dedicato a due attività rilassanti: Whale Whatching e bagni termali.

  • Ci affidiamo alla Elding una delle compagnie più storiche che organizza tour di Whale Whatching a largo della capitale. Il Winter Tour dura circa 3h e mezza e percorre le zone che sono più frequentate dalle balene. Non c’è garanzia, è la Elding offre la possibilità di ripetere l’escursione se non si è riusciti ad avvistare nulla! Noi siamo stati fortunati, mentre la barca si avvicinava alla costa siamo stati letteralmente circondati da 8 balene. Code e spruzzi ci hanno circondato risollevando i nostri umori ormai rasseganti a non vedere nemmeno una pinna.

tour islanda whale whatching

  • La Blue Lagoon è il sito termale simbolo dell’Islanda e per questo anche il più frequentato. E’ sempre pieno e se non prenotate con anticipo non riuscirete quasi certamente a visitarle. Il sito termale è stata la conclusione del tour in Islanda 2h ore a mollo in una laguna azzurra mentre nevicava dolcemente.

 

14 COMMENTS

  1. Wow che meraviglia questo itinerario di viaggio!! Dopo il viaggio di questa estate attraverso la Norvegia fino a Capo Nord, devo confessare una profonda attrazione per il Nord…e spero che l’Islanda diventi una delle prossime mete!!
    Certo che coraggio a partire in inverno, ma la neve immagino che renda l’esperienza ancora più indimenticabile… ed anche la soluzione di un tour di 5 giorni sembra davvero interessante! 😉

  2. […] di partire per l’Islanda  (leggi anche: Tour Islanda) avevo fatto varie ricerche su quando, come e dove, vedere l’Aurora Boreale. Ho trovato […]

  3. […] di partire per l’Islanda  (leggi anche: Tour Islanda) avevo fatto varie ricerche su quando, come e dove, vedere l’Aurora Boreale. Ho trovato […]

  4. Bellissimo…io partirò per l’Islanda ad Agosto e non vedo l’ora di esserci. Me la immagino come un posto inimmaginabile, nel senso che ogni angolo possa essere diverso sia da quello precedente che da quello successivo. Ho l’idea che l’inverno possa addirittura accentuare questa mia sensazione..

  5. Ciao, partirò tra pochissimo per l’Islanda. Ho deciso di dormire in campeggi con la tenda. Ci sono mappe con tutti i campeggi segnati, o indicazionisulle strade? grazie

    • Ciao Prova a rivolgerti all’ente del turismo islandese, noi non avevamo mappe cartacee ed era inverno quindi i camping erano chiusi. E’ un paese molto organizzato e sono sicura che avranno tutto indicato e segnalato.

  6. Itinerario interessante 🙂 Anche io sto pianificando un viaggio in Islanda di questa durata. Che posti meravigliosi!
    Una domanda: hai alloggiato a Reykjavik o nei pressi delle zone visitate?
    Grazie 🙂

  7. Ciao!
    A dicembre io e il mio ragazzo faremo 5 giorni in Islanda. Non vediamo l’ora! Stiamo iniziando adesso a pianificare il nostro viaggio… ma per adesso abbiamo prenotato solo il volo di andata e ritorno!

    Volevo chiederti una domanda: avete alloggiato sempre a Reykjavik (e di conseguenza tornavate sempre indietro) o avete alloggiato in lunghi diversi a seconda del tour?

    Grazie,
    Vanessa

    • Ciao, io ho alloggiato sempre nella capitale perchè il motivo del viaggio era vedere l’aurora boreale e durante il nostro soggiorno era ben visibile solo a un’ora da’auto dalla città.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here