Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Estate 2012, si realizza il sogno di una vacanza in Asia tra Cambogia, Laos e Vietnam. Quest’ultimo mi è particolarmente caro perché nella mai testa è sempre stato quel paese misterioso, famoso in tutto il mondo per essere stato il malaugurato protagonista, di una guerra spietata, raccontata nei libri di storia e in migliaia di film.

Ecco il Vietnam!

Arriviamo a Ho chi minh (Saigon) capitale del Vietnam, l’impatto è forte; il grigiume, i locali e la musica ci catapultano in un mondo diverso dall’Asia a cui eravamo abituati, l’impronta lasciata dall’America è indelebile: questa vacanza si prospetta ricca di emozioni!

A Saigon ci soffermiamo solo un giorno il tempo necessario per visitare il Museo di Ho chi minh city, il Museo dei Residuati Bellici e il vivace mercato di Ben Thanh; ritorneremo qui alla fine della vacanza dopo aver visitato Cambogia e Laos (di cui non vi parlerò in questo post).

Hanoi è la nostra seconda tappa, lo stacco tra nord e sud è tangibile. Questa elegante città dell’Oriente sviluppa tutta la sua vita in strada negozi, ristoranti improvvisati sui bordi dei marciapiedi, motociclette che riempiono le caotiche strade della città con i loro scarichi puzzolenti e i clacson impazziti. Questa città va vista in lungo e in largo e con l’aiuto di due studentesse universitarie, scopriamo il vecchio e il nuovo, le tradizioni, il cibo di strada e la storia indelebile.

Must to see: Il Mausoleo di Ho Chi Minh, il palazzo presidenziale, la pagoda su una colonna sola, il tempio di Ngoc son, il suggestivo lago Hoan Kiem.

Usiamo Hanoi come base per visitore due meraviglie del Nord: Halong Bay e Tam Coc, quest’ultima si rivela una meraviglia inaspettata; a bordo di una barchetta in legno ci siamo fatti cullare dal fiume Ngo Dong attraverso colline verdi e grotte calcaree.

 

Terza tappa Huè: pagode, tombe imperiali e un diroccata cittadella, ci fanno scoprire quello che questo paese era prima dell’epoca comunista. La cittadella imperiale è patrimonio dell’UNESCO ed è il principale luogo d’interesse della città; visitiamo l’interno che offre mura, sale, porte palazzi etc. Gli altri lughi da visitare si trovano appena fuori la città, prendiamo un motorino e partiamo alla scoperta delle tombe imperiali: stravaganti Mausolei che costeggiano il fiume del Profumo; il caldo è afoso ma la giornata indimenticabile.

Quarta tappa Hoi An una coloritissima cittadina, un groviglio di viuzze con “case museo”, mercati e negozi di abiti su misura. Prendiamo due biciclette e dividiamo le giornate tra mare e relax la mattina, nella vicina spiaggia di Cua Dai e visita delle Case nel villaggi di Hoi An nel pomeriggio. Il momento miglior però, arriva al tramonto, quando cala il sole e la città si colora prima di rosso e si illumina dei mille colori delle lanterne creando un atmosfera magica!

Quinta tappa Ho chi min, ritorniamo nella capitale come punto d’appoggio per visitare il Delta del Mekong e i Tunnel di Cu chi.  Il fiume Mekong è uno dei fiumi più lunghi al mondo con uno dei Delta più estesi. la nostra giornata si suddivide tra gite in barca nei canali di My Tho, fermandoci sull’isola delle Api e della Frutta, qualche piccola fabbrica di caramelle e villaggi ittici, ci siamo gustasi un favoloso pranzo a base di  pesce Elefante tipico del Delta del Mekong.

Il momento storico è arrivato e visitiamo i più che turistici tunnel di Cu Chi che raccontano la storia di un paese massacrato dalla guerra e della tenacia di una popolazione che ha costruito oltre 250km di tunnel nell’area sud di Ho chi minh fino a raggiungere la Cambogia. Ci mostrano molte aree con ricostruzioni dimostrative e ci fanno attraversare dei tunnel, ci mostrano documentari a testimonianza di quanto accadeva in queste zone; è toccante, ti fa riflettere.

Il nostro viaggio finisce qui ma il Vietnam rimane un paese unico nel suo genere: un nord e un sud che non anno nulla da condividere; la purezza del nord che si scontra con un sud Americano, orientato al turismo e al divertimento di ogni genere. Storia e colori di un Vietnam centrale che cercano di unire le due metà di questo paese.

Advices:

  • Escursioni a Halong Bay, Tam Coc, Mekong Delta, Tunnel Cu chi organizzate con agenzie locali sul posto.
  • Spostamenti tra Hanoi-Huè-Saigon in aereo (Vietnam Airlines) Huè – Hoi An (bus locale 4h)
  • Per visitare il Vietnam è necessario il visto io vi consiglio il VOA  (Visa on Arrival) che si può ottenere negli aeroporti internazionali, prima di partire avete solo bisogno della lettera di Approvazione.

 

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

2 COMMENTS

  1. ciao Elena, cercando in rete qualche spunto per un viaggio in Indocina che spero di organizzare questa estate ho trovato questo tuo post e un blog che non conoscevo ancora…e che mi piace parecchio 🙂 secondo te per fare il Vietnam da nord a sud quando tempo ci vuole (se serve prendendo anche voli interni)? e per fare almeno una parte di Cambogia e di Laos? ho sentito pareri contrastanti, mi piacerebbe sapere il tuo. Monica

    • Ciao Monica!
      Grazie mille! secondo me per fare bene il Vietnam da nord a sud ci vogliono circa 14 giorni, e in questo includo anche zone come Sapa e la DMZ, Spostandosi da Nord a Sud con voli interni.
      Per il Laos se decidi come me di fare solo Luang Prabang ti bastano 5 giorni.
      Per la Cambogia invece io ho visitato la Capitale Phnom Penn ( 2gg) e Siem Reap con il sito di Angkor ( 4 giorni)
      Se ti servono altre info scrivimi pure!
      Buona Giornata
      Elena

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here